Parliamo di nordic walking. Che cosa c’è di più semplice e naturale se non rivalutare il camminare? Il nordic walking tecnicamente consiste in una camminata praticata con degli appositi bastoncini. Se eseguita in modo corretto, permette l’utilizzo di circa l’ 85% dei muscoli del corpo. Principale caratteristica di questa disciplina è la grande naturalità e semplicità di esecuzione, che permette a tutti e in ogni fascia d’età di poterla praticare senza eccessivo stress fisico e senza carichi aggiuntivi alle articolazioni e alla colonna vertebrale (come ad esempio accade con la corsa). Servono semplicemente un abbigliamento sportivo, scarpe da ginnastica e i bastoncini specifici. Nata in Finlandia come tecnica di allenamento per lo sci di fondo, la camminata nordica si è andata via via imponendo anche in Italia perché facile da apprendere, pur prevedendo l’utilizzo di un’attrezzatura tecnica e specifica come i bastoncini.

Il nordic walking

Il bastoncino è usato per spingere e non come appoggio. Poiché con i bastoncini si allenta la pressione del passo sugli arti inferiori, il movimento che si ottiene risulta ideale per tutte le età ed anche per le persone con problemi alle ginocchia: il praticarlo con un ritmo fluido e posturalmente corretto fornisce un grande allenamento con uno sforzo ridotto. Quanto più lo si pratica, tanto più si completano e si automatizzano i movimenti aumentando la frequenza e anche la velocità. Il camminare con l’oscillazione delle braccia porta anche ad aumentare le calorie bruciate, la frequenza cardiaca ed il consumo di ossigeno. Con una pratica regolare, si può ridurre il rischio di malattie cardiache e di ictus, così come molti altri disturbi cronici.

Leggi anche:  Il riposo pomeridiano scaccia il rischio infarto

Equilibrio e coordinazione

La tecnica di cammino del nordic walking riesce a migliorare sia l’equilibrio che la coordinazione. Per spostare correttamente i bastoncini, il passo richiede il movimento di braccia contrapposte alle gambe; per le persone con problemi di equilibrio, condizione soprattutto presente in soggetti in età avanzata, camminare con i bastoncini serve a bilanciare e controllare l’avanzamento nel cammino evitando il rischio di un incidente, quale una caduta. Si migliora anche la coordinazione visiva. Così come la postura, che soffre quando si guarda verso il basso portando la testa e le spalle troppo in avanti. Insomma, la palestra dove si pratica il nordic walking è il prato e il bosco, al sole e all’aria aperta, le sue prerogative antistress sono l’attività in gruppo e il passaggio delle stagioni: quale miglior miscela di ingredienti per il benessere psicofisico?