«La morte di tre Vigili del fuoco a Quargnento addolora tutta l’Italia. Il mio commosso pensiero alle vittime e un abbraccio alle famiglie e ai feriti. Solidarietà e pieno sostegno a emergenza Vvf, eroi sempre in prima linea per garantire la nostra incolumità». Lo scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte salutando i tre pompieri di Alessandria.

LEGGI ANCHE: Trovati timer e inneschi nella cascina della tragedia a Quargnento

LEGGI ANCHE: Due esplosioni e crolla una casa, morti tre Vigili del fuoco

LEGGI ANCHE: Fiori in Brianza davanti alla Caserma dei Vigili del Fuoco per i tre pompieri morti ad Alessandria

LEGGI ANCHE: Bandiere a mezz’asta alla Caserma dei Vigili del Fuoco di Lecco per i tre pompieri morti ad Alessandria

I Vigili che hanno perso la vita

Antonino Candido, detto Nino32 anni, di Albenga (Savona). Marco Triches, 36 anni, papà di un bambino di pochi anni e anche lui di Albenga. Matteo Gastaldo, 47 anni residente a Gavi, l’ultimo e essere estratto dalle macerie.

Leggi anche:  In moto a 186 km/h davanti all'autovelox sollevando la targa. Identificato e patente ritirata


“Profondo cordoglio e vicinanza» alle famiglie dei tre pompieri morti  vengono espressi dal Capo Dipartimento dei Vigili del fuoco Salvatore Mulas e dal Capo del Corpo Fabio Dattilo, che in una nota parlano di «vittime del dovere”. Mulas e Dattilo manifestano anche “vicinanza a tutti i colleghi, in particolare quelli di Alessandria, in questo momento tragico per il Corpo”.

Si consolida l’ipotesi dolosa

Ipotesi dolosa. Prende sempre più corpo l’ipotesi che sia di origine dolosa l’esplosione della cascina di Quargnento: durante i primi rilievi sul luogo della deflagrazione, sarebbero stati trovati dei dispositivi di innesco. 

LEGGI ANCHE: Trovati timer e inneschi nella cascina della tragedia a Quargnento

LEGGI ANCHE: Due esplosioni e crolla una casa, morti tre Vigili del fuoco