Venti comuni piemontesi riceveranno nei prossimi giorni 2 milioni e 50mila di euro per la bonifica da amianto di edifici comunali.

Le cifre vanno da 4mila a 250mila euro

I finanziamenti vanno da un minimo di 4.000 euro a un massimo di 250.000. Da quest’anno, però, la Regione ha deciso di compiere uno sforzo in più, aggiungendo alla quota netta di finanziamento per la bonifica anche quella del ripristino:

È successo in passato – spiega l’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnatiche alcune scuole riuscivano a sostenere le spese di bonifica, ma non quelle della ricostruzione delle parti eliminate come ad esempio i tetti. Così molto spesso i Comuni non partecipavano neppure ai bandi. Oggi invece la Regione ha deciso di finanziare al 100% sia la bonifica sia la ricostruzione e anche gli oneri per la sicurezza”.“La bonifica dell’amianto – prosegue Marnati – è una delle attività che seguo personalmente tenuto conto che purtroppo ancora oggi quella dell’eternit è una pi ambientale”.

Le spese maggiori sono state sostenute dai Comuni di Avigliana, che ha messo in sicurezza l’impianto polivalente “La Fabbrica” con 250.000 euro, e il Comune di Grugliasco che è intervenuto sulla scuola secondaria “Carlo Levi”. “A oggi – conclude l’assessore Marnati – la Regione ha coperto il 90% del fabbisogno richiesto in ambito scolastico. Mancano 10 scuole per raggiungere il traguardo del 100%”.

Leggi anche:  Scomparso un anno fa da Torino, ancora nessuna traccia del 26enne Traian Doru Duta

Elenco completo dei Comuni ed edifici da bonificare

Di seguito l’elenco dei Comuni che hanno ricevuto i finanziamenti:

  • Sanfrè: Palestra plesso scolastico comunale (35.000 euro)
  • Mondovì: Scuola media Anna Frank (112.000 euro)
  • Carignano: Impianto sportivo Garavella (217.000 euro)
  • Avigliana: Edificio polivalente “La Fabrica”(250.000 euro)
  • Chieri: Scuola primaria N.S. della Scala (15.000 euro)
  • Grugliasco: Scuola Secondaria di 1° Grado “Carlo Levi” (250.000 euro)
  • Alessandria: Scuola secondaria di I grado “P. Straneo” (123.000 euro)
  • Novara: Scuola primaria Coppino (45.341 euro)
  • Novara: Scuola Infanzia Sabin (99.829 euro)
  • Canelli: Cabina elettrica comunale (10.000 euro)
  • Scalenghe: Scuola Media comunale (8.800 euro)
  • Pinerolo: Scuola infanzia/primaria Riva (151.186 euro)
  • Molare: Bocciofila comunale (60.325 euro)
  • Montechiaro D’Acqui: Circolo La Ciminiera (88.782 euro
  • Alpignano: Scuola Media Statale Tallone (4.410 euro)
  • Predosa: Locale caldaia Palestra (7.000 euro)
  • Predosa: Spogliatoi ex campo sportivo (28.000 euro)
  • Bra: Museo Civico di Storia Naturale “Ettore e Federico Craveri” (20.156 euro)
  • Envie: Bocciofila comunale (142.898 euro)
  • Valdilana: Mercato coperto (157.618 euro)
  • Ivrea: Palazzo Comunale (173.806 euro)
  • Genola: A.S.D. Bocciofila Genolese (48.739 euro)