Torna agli onori della cronaca l’investimento della giovane parrucchiera, Isabella Lekaj, 25 anni, avvenuto lungo l’autostrada Asti-Cuneo mercoledì 7 novembre 2019. Qualcuno potrebbe anche pensare a un caso di planking  challenge la pericolosa moda che vede i giovani sdraiarsi a sfidare il traffico mentre qualcuno li filma, ma su questo aspetto non ci sono riscontri.

Si è trovato davanti il corpo

Un artigiano di 43 anni residente in un comune dell’Albese si è trovato davanti il corpo della giovane che “giaceva in posizione supina” come ha dichiarato il suo legale l’avvocato Enrico Martinetti di Mondovì. L’assistito del legale che si definisce ancora in stato di choc per quanto accaduto ha dichiarato che la donna “era già a terra quando è sopraggiunto in auto. Non avrebbe potuto evitare l’impatto essendo in fase di sorpasso e nell’impossibilità di rientrare nella corsia. La donna era in posizione ortogonale e, oltre alla frenata non è stato possibile fare altro. Anche se la velocità era comunque nei limiti consentiti dalla legge l’impatto è stato inevitabile”.

Leggi anche:  Evasione fiscale per 100 milioni, chi sono i fossanesi ai domiciliari

Nessuna violazione

Il guidatore è  stato sottoposto ai controlli di rito tossicologici risultati negativi, così come anche negativo ai primi riscontri effettuati dalla Polizia Stradale è risultato il comportamento alla guida da parte dell’uomo, quali velocità e rispetto della segnaletica.

Accertamenti dell’autorità giudiziara

L’autorità giudiziara ha disposto l’autospia sul corpo della giovane per eseguire ulteriori approfondimenti. Nel caso in cui si dovesse accertare che la ragazza era supina il quadro investigativo cambierebbe radicalmente e sposterebbe l’attenzione su un atto voluto.

LEGGI ANCHE : E’ di Alba la ragazza investita in autostrada, aveva parcheggiato in una piazzola