In giornate caratterizzate da notizie di crisi aziendali e incubi per i dipendenti di molte aziende che vedono minacciata l’occupazione con riorganizzazioni o chiusure di stabilimenti, c’è anche un rovescio della medaglia. Quello delle ditte che aprono le loro porte in particolare per i giovani, per far conoscere la loro realtà e il loro modo di essere sul mercato del lavoro.

Tutti i settori

Sono oltre 8.000 i cittadini che si sono iscritti all’edizione 2019 di “Piemonte Fabbriche Aperte”, che si terrà oggi venerdì 7 novembre 2019  e sabato 10 novembre 2019 in oltre 120 luoghi della produzione. Diverse e variegate le proposte nelle quali sono presenti tutti i principali settori industriali sono ben rappresentati, con una forte presenza di meccanica e automazione industriale, dell’automotive e del comparto agroalimentare, ma anche di tessile, aerospazio, chimica, ICT ed elettronica, prodotti di design, logistica, servizi avanzati.

Fabbrica come luogo di produzione di valore

In questa nuova edizione – evidenziano gli assessori regionali alle Attività produttive, Andrea Tronzano, e alla Ricerca e Innovazione, Matteo Marnativiene ulteriormente amplificato il concetto della fabbrica come luogo di produzione di valore, elemento strategico e identitario della tradizione industriale del Piemonte nel passato, nel presente e nel futuro. L’apertura straordinaria dei vari siti, concentrata in un unico evento e su scala piemontese, intende accendere i riflettori sulla manifattura di eccellenza e sull’innovazione tecnologica mediante la dinamica esperienziale delle visite agli stabilimenti. In questo modo il pubblico può rendersi conto direttamente del ricco patrimonio industriale del Piemonte, che vanta eccellenze a livello internazionale, ed avere l’opportunità di conoscere alcuni dei Poli creati per favorire la diffusione dell’innovazione e lo scambio di competenze tra Atenei, centri di ricerca e imprese”.

Leggi anche:  Dopo la Meloni, Luciana Littizzetto riprende il Tik Tok virale VIDEO

Le aziende alessandrine

Queste le aziende alessandrine aperte:

  • Mazzetti d’Altavilla – Altavilla Monferrato
  • Michelin Italiana – Spinetta Narengo
  • Euromac Costruzioni Meccaniche – VIlllanova Monferrato
  • Sandenvendo Europe – Corniolo
  • Solvay Specialty Polymers Italy – Spinetta Marengo
  • SpecialAcciai – Novi Ligure
  • APS Pavimenti Sicuri – Tagliolo Monferrato
  • Franzosi cave – Tortona
  • Prisma Impianti – Basaluzzo
  • Parco Scientifico e tecnologico Valle Scrivia – Tortona
  • Zerbinati – Casale Monferrato

Le aziende cuneesi

Queste le aziende cuneesi aperte:

  • Giesse Logistica – Castellinaldo d’Alba
  • Acquarama – Novello
  • Comat Energia Edison – Cuneo
  • Buzzi Enicem – Robilante
  • Caseificio Fiandino – Villafalletto
  • Michelin Italiana – Cuneo
  • Merlo – Cervasca

Collaborazione con il Politecnico

Quest’anno “Piemonte Fabbriche Aperte” si raccorda con il primo Festival della Tecnologia, organizzato dal Politecnico di Torino dal 7 al 10 novembre. Il Politecnico, in occasione del 160° anno di attività, e la Regione Piemonte hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per massimizzare le sinergie tra le due manifestazioni, unite dall’obiettivo di posizionare Torino e il Piemonte come “motore” dell’innovazione, della ricerca e conseguentemente della produzione industriale avanzata.

LEGGI ANCHE: Sciopero Arcelor Mittal e Sibelco, i dipendenti tremano

Embraco Ventures, le rappresentanze sindacali protestano

Iveco non lascia l’Italia dopo la separazione da Cnh

La Mahle chiuderà gli stabilimenti. Dramma per 400 a Saluzzo e La Loggia