In coma dopo essere stato risucchiato dalle acque del lago

Era l’estate del 2018 quando Musa, un ragazzo albanese di 15 anni, è stato risucchiato nelle acque del lago di Scutari, il più profondo della penisola Balcanica, al confine tra Albania e Montenegro. Per alcuni mesi Musa era rimasto ricoverato in gravissime condizioni, in coma vegetativo, nel reparto di rianimazione di un ospedale locale. La sua famiglia, che vive tra l’Albania e Mondovì, era però a conoscenza dell’ospedale Gaslini di Genova, sopratutto per essere uno degli ospedali più all’avanguardia a livello europeo nella cura dei pazienti in età giovanile. Grazie alla partecipazione dell’intero paese nativo la famiglia è riuscita a raccogliere i fondi per affrontare il viaggio e le cure.

Musa è tornato a Mondovì

La cassa di risonanza è stata un’emittente televisiva di lì, «News 24 Albania». L’obiettivo era poter offrire a Musa le cure mediche per poterlo salvare. Il resto lo hanno fatto i medici e la straordinaria voglia di vivere di questo ragazzo che da ieri, lunedì 13 maggio 2019, è tornato a Mondovì, dopo 5 mesi di ricovero a Genova, per proseguire il lungo cammino verso la riabilitazione.

A Mondovì il 15enne proseguirà il suo percorso sulla via della guarigione, un percorso lento ma il ragazzo, che nel frattempo ha ottenuto un permesso di soggiorno provvisorio, è in grado di comunicare in albanese con i familiari e anche un poco in italiano con gli operatori, di camminare con sicurezza e di alimentarsi in autonomia.

Leggi anche:  Elezioni in Piemonte: l’App del Ministero è un caos

Tutto il team multi professionale della Riabilitazione – fisiatra, fisioterapista, logopedista, psicologo, terapista occupazionale – è stato da subito impegnato con interventi coordinati. Il ragazzo ha raggiunto via via una condizione di coscienza minima fino ad arrivare ad un progressivo “risveglio”.

Gaslini: punto di riferimento internazionale

“Ancora una volta il Gaslini si conferma un punto di riferimento non solo a livello ligure e italiano ma anche internazionale” queste le parole del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.