La Polizia Ferroviaria, durante il periodo estivo dal 1 giugno al 1° settembre 2019, ha intensificato i servizi istituzionali con l’impiego di 3136 pattuglie in stazione e 1178 a bordo treno, provvedendo a scortare, nell’intero periodo 3050 convogli ferroviari (con una media di circa 33 treni al giorno). Sono stati predisposti 262 servizi antiborseggio in abiti civili per contrastare i furti in danno dei viaggiatori. Sono state elevate 300 sanzioni amministrative di cui 128 in materia di sicurezza ferroviaria.

Controlli della Polizia Ferroviaria

Nel periodo preso in esame, il numero degli identificati è stato di 30371 persone tra cui 13 gli arrestati, 146 gli indagati; 7 i minori non accompagnati rintracciati nelle stazioni ferroviarie del territorio dal personale della Specialità nelle stazioni della Regione.

Particolarmente efficace si è dimostrata la nuova applicazione per gli “smartphone” in uso alle pattuglie (SMART SDI 2.0), che ha permesso al personale della Polizia Ferroviaria di effettuare un maggior numero di controlli anche grazie alla funzione di lettura ottica dei documenti elettronici.

Leggi anche:  “Insultata davanti alla figlia perchè tatuata” la denuncia su Facebook di una modella

Nel Cuneese

Ad Alessandria e Ceva (in provincia di Cuneo) la squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento a seguito della predisposizione di specifici servizi indagava in stato di libertà 4 giovani per deturpamento ed imbrattamento di carrozze ferroviarie.

Nella stazione di Alessandria

Nella Stazione di Alessandria sono stati effettuati 2 arresti. In particolare, nel mese di giugno è stato tratto in arresto un cittadino del Gambia per violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni aggravate e nel mese di luglio un cittadino bosniaco per avere fatto rientro in Italia in seguito a provvedimento di espulsione con accompagnamento coatto in frontiera.

Ad Asti

Ad Asti, gli operatori Polfer, a seguito di misure cautelari coercitive disposte dal Gip del Tribunale di Asti, traevano in arresto 2 cittadini nigeriani resosi responsabili di concorso di reato di rapina ed estorsione ai danni di un cittadino italiano.